Community » Forum » Recensioni

Anima spezzata
1 1 0
Mizubayashi, Akira

Anima spezzata

La nave di Teseo, 2023

Abstract: A Tokyo, nel 1938, quattro musicisti dilettanti appassionati di musica classica occidentale si incontrano regolarmente per suonare. Il quartetto è formato dal giapponese Yu, un insegnante di inglese, e da due studenti e una studentessa cinesi. Questi ultimi sono rimasti a Tokyo nonostante l’invasione giapponese della Manciuria e la spirale di violenza e odio razziale che aveva provocato. Una tranquilla domenica pomeriggio, però, la musica è brutalmente interrotta dall’irruzione di alcuni militari. Il violino di Yu viene distrutto da un soldato e i quattro, sospettati di complottare contro l’Impero, vengono arrestati. Nascosto in un armadio, Rei, il figlio undicenne di Yu, ha assistito alla scena, ma sfugge alla violenza dei soldati grazie a un tenente che lo lascia andare e gli affida il violino in pezzi del padre. Giunto in Europa grazie a un amico francese del padre che lo adotta, Rei decide di studiare da liutaio. Dopo anni di dedizione e sacrifici è ormai un ottimo artigiano, specializzato nella costruzione e nel restauro dei violini, e ha una sua bottega a Parigi, dove vive con la compagna Hélène, una rinomata archettaia. È proprio lei a raccontare a Rei la storia di una giovane e talentuosissima violinista giapponese, Midori Yamazaki, che, in un’intervista, aveva dichiarato come l’amore per lo strumento le fosse stato tramandato da un nonno militare. Incuriosito dalla coincidenza, Rei decide di scriverle per provare a riannodare i fili del suo passato. “Anima spezzata” è un romanzo commovente e delicato che affronta le questioni della memoria, dello sradicamento e della difficile elaborazione del lutto. Una trama coinvolgente che unisce Oriente e Occidente tra l’alba della seconda guerra mondiale e il nostro presente. Akira Mizubayashi fa diventare la letteratura e la musica materia stessa della vita, arrivando a sfidare persino la morte e il passare del tempo.

95 Visite, 1 Messaggi

mi dispiace ma non sono riuscita assolutamente ad apprezzare questo libro: la storia poteva essere interessante, ma la scrittura e la rappresentazione dei personaggi è decisamente "ingessata". L'esposizione troppo corretta, mai una parola fuori dal limite, tutto espresso in esasperata gentilezza, atteggiamenti compassati, rituali giapponesi di comportamento e atteggiamento veramente noiosi. Sembra che ci sia il tentativo di portare all'esaltazione la perfezione della scrittura, dei personaggi, della storia. Una stella scarsa

  • «
  • 1
  • »

397 Messaggi in 379 Discussioni di 80 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online