Gazzada Schianno

Gazzada Schianno

PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LE PIETRE DELLA MEMORIA"

Quando
17 March 2022
Orario
18:00 — 19:30
Dove
Biblioteca Comunale di Gazzada Schianno
Categorie
Libri

 

Francesca Druetti e Benedetta Rinaldi
presentano
LE PIETRE
DELLA MEMORIA
Giovedì 17 marzo 2022 alle ore 18,00
Biblioteca Comunale di Gazzada Schianno – Via Matteotti, 13
modera l’incontro Stefano Catone della casa editrice People
INGRESSO LIBERO – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
scrivendo a: biblioteca@comune.gazzada-schianno.va.it
Mascherina e Green-pass obbligatori per tutti i partecipanti
Descrizione
Nel 1992 a Colonia l’artista Gunter Demnig posa la sua prima Pietra d’Inciampo in memoria delle vittime del nazifascismo. Un piccolo gesto che innesca un grande movimento di riappropriazione della memoria che travalica i confini dell’Europa, con oltre 72mila pietre posate nel ricordo di persone che in questo modo tornano ad avere un nome, una storia, una dignità. Francesca Druetti e Benedetta Rinaldi ricostruiscono il percorso di questo artista e ci accompagnano alla scoperta di alcune delle tante vite distrutte dai regimi perché considerate “diverse”, invitandoci a un esercizio attivo della memoria senza scadere nella retorica. Lo speciale formato del volume intende ricordare la forma stessa delle pietre d’inciampo.

INGRESSO LIBERO – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA 

Mascherina e Green-pass obbligatori per tutti i partecipanti

 

Descrizione

Nel 1992 a Colonia l’artista Gunter Demnig posa la sua prima Pietra d’Inciampo in memoria delle vittime del nazifascismo. Un piccolo gesto che innesca un grande movimento di riappropriazione della memoria che travalica i confini dell’Europa, con oltre 72mila pietre posate nel ricordo di persone che in questo modo tornano ad avere un nome, una storia, una dignità. Francesca Druetti e Benedetta Rinaldi ricostruiscono il percorso di questo artista e ci accompagnano alla scoperta di alcune delle tante vite distrutte dai regimi perché considerate “diverse”, invitandoci a un esercizio attivo della memoria senza scadere nella retorica. Lo speciale formato del volume intende ricordare la forma stessa delle pietre d’inciampo.